For all orders outside ITALY, please click here

skip to Main Content

Spedizioni: costi e tempi di  consegna

Il primo giorno non deve essere considerato in quanto l’ordine viene preso in carico da Cheri srl e sarà evaso al giorno successivo salvo disponibilità o riassortimento del prodotto. Se il giorno di acquisto è sabato o domenica l'ordine verrà evaso il martedì sucessivo. In caso di prodotto in riassortimento il cliente sarà informato tramite e-mail dei tempi di spedizione.  

Spedizione con posta prioritaria senza tracciamento: € 3,00

La consegna degli invii di Posta 4 Pro (dati da Poste Italiane) avviene come di seguito:
  • in quattro giorni lavorativi successivi a quello di accettazione per almeno il 90% dei casi
  • in sei giorni lavorativi successivi a quello di accettazione per almeno il 98% dei casi
  • Per esperienza possiamo anche accertare  che i dati di poste italiane sono calcolati a livello nazionale e poco veritiere a livello locale. Questo vuole dire che mentre in alcune parti d’italia non ci sono ritardi in altre parti i ritardi sono triplicati: Per quanto riguarda le nostre spedizioni con posta 4 pro, abbiamo constatato che almeno il 10% hanno un ritardo che possono arrivare anche a 15 giorni lavorative che diventano 20/22 giorni consecutivi.
Una volta spedito non sarà più  possibile rintracciare l’ordine. Cheri srl declina ogni responsabilità sulle mancate consegne da parte di poste italiane. Nel caso di mancata consegna del pacco o busta,  sarà rimborsato l’intero importo solo dopo che la spedizione sarà rientrata al mittente  (per esperienza possiamo accertare che si tratta di un caso su mille).

Spedizione con corriere SDA: € 6,50.

Consegna in 2/4 giorni lavorativi  con numero di tracciamento (Generalmente viene consegnato in 3 giorni).
L109 1

Bottoni vintage – In questa sezione merceria Cheri vuole condividere la visione e la vendita di  prodotti che sono nel proprio magazzino da fine anni 50 ad oggi.  Specialmente si tratta di bottoni fabbricati dalle migliori ditte del settore quali: Piazzi, Miban, Loris, Ascoli, Sanclair, Stefano Secondo Pavese, Il Gioiello di Firenze e altri.

 

v1008 1 v1023 5 v1038 0

v1001 2 v1012 1a sporchi e trattati 2

Arriva il 1950, primo Anno Santo dopo la guerra. Era di moda la tunica ed i bottoni non erano necessari : un vero disastro per i commercianti del settore. Passato questo momento di crisi si riprenderà a produrre ed a vendere. I bottoni degli anni ’50 sono sopratutto grandi e lucenti, poi grandi ed opachi, addirittura sfumati in nero col fumo della candela.

All’inizio degli anni ’60 avviene il miracolo economico italiano ed arrivano le prime firme di stilisti europei ed italiani: Coco Chanel, Pierre Cardin, Armani, Valentino ed altri. Con la trasformazione dei metodi di lavoro dei materiali si creano bottoni bellissimi, eleganti, ricchi e pregiati. Pietre, strass, madreperle e passamanerie vengono assemblati per confezionare i “protagonisti” dell’abito. I benestanti di quel periodo ostentavano la ricchezza, talvolta in modo sfacciato e volgare. Questo urtò moltissimo i giovani e fu così che scoppiò la contestazione del ’68. Ritornò la crisi economica per la società e, di conseguenza, per i bottoni. I bei bottoni scompaiono e si usano semplici bottoni funzionali all’uso: unire i due lembi di stoffa.

Back To Top
Cerca